Appunti di degustazione: i solfiti

Senza_solfiti

In questo testo non si parlerà di vini naturali, da uve biologiche o approccio biodinamico, ma di un confronto tra due vini convenzionali…ma non troppo!

Particolarmente annosa è la discussione sui solfiti, quanto meno su quelli aggiunti – perché la fermentazione stessa conferisce una minima quantità di solfiti al vino.

Innanzi tutto però è necessaria una premessa. Non bisogna guardare a questi composti come a un demone da esorcizzare, ma ad un elemento che nel vino ha una funzione di “conservante”. Personalmente ritengo che non sia tanto grave il fatto stesso dell’aggiunta di solfiti, ma la quantità utilizzata, che deve essere rispettosa e adeguata alla tipologia di vino. Ciò detto, quale modo migliore di capire come questi lavorino, se non confrontando due bottiglie dello stesso vino, della stessa annata e della stessa azienda, una aggiunta di solfiti e una contenente solo quelli donati dalla fermentazione alcolica. Continua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...